ASSO DAYS -70% su TUTTI i prodotti + spedizione gratuita 24/48h

Carrello

Nessun articolo nel Carrello

Totale: €0.00

Carrello

N. Articoli: 0

Nessun articolo nella Wishlist

N. Articoli: 0

Riposino pomeridiano: perchè è importante

riposino-pomeridiano

Il sonnellino pomeridiano rappresenta per molte persone un’abitudine irrinunciabile, per altri invece, quasi un desiderio irrealizzabile laddove l’impedimento insorga per motivi legati alle proprie attività lavorative o di studio.

La necessità, che il nostro corpo avverte di concedersi una pausa, è maggiormente sentita nei periodi più caldi dell’anno, da quando cominciano i primi tepori primaverili fino ad estate inoltrata, allorché diventa veramente impossibile svolgere attività, soprattutto all’aperto, nelle ore più calde. Così, approfittando di questa pausa forzata, diventa praticamente normale e consueto concedersi un breve riposo e ricaricarsi per affrontare la seconda parte della giornata.

Talmente è diffusa questa pratica nel nostro Paese, da avere un proprio nome anche in alcune forme dialettali: in dialetto romanesco è la pennica (dal movimento penzolante del capo, una volta colti dal colpo di sonno pomeridiano) che ha dato poi origine alla più diffusa “pennichella”.  A Napoli “controra” (da contra hora): è quel momento della giornata in cui le condizioni climatiche sono sfavorevoli (contro) ad intraprendere qualsiasi attività, non lasciando altra alternativa che appisolarsi, nel frattempo che passi.  Ovviamente, tanto più il pranzo contribuirà ad appesantirci, tanto più si avvertirà il bisogno di dormire.  Anche volendo cercare fuori dai confini nazionali, merita una menzione la famosa siesta spagnola (dal latino Hora Sexta, le ore 12:00, il momento più caldo e fiacco della giornata), che pure si è imposta come definizione di uso comune per indicare un riposino.                                          
Anche nella fascia tropicale in generale, è usanza riposare al pomeriggio, addirittura viene concessa una pausa agli studenti o si creano apposite aree per il riposo in molti uffici di alcuni paesi asiatici.

Quanto può risultare un beneficio concedersi un piccolo stacco?

Abbiamo visto che, al di là delle svariate definizioni, alla base del sonnellino pomeridiano, ci sono dei motivi comuni e scientificamente provati come il fattore legato all’alimentazione e al clima.

Pertanto, l’argomento è stato ed è oggetto di studi e ricerche autorevoli, che hanno condotto a delle conclusioni, poi divenute dei canoni da rispettare, per poterne trarre esclusivamente vantaggi ed evitare invece, conseguenze nocive per il nostro equilibrio biologico.

La durata è importante: si raccomanda caldamente di non esagerare nel dormire e di non superare i 40 minuti per il nostro break, anche se 20/30 minuti sono già considerati sufficienti. 

I vantaggi che ne derivano sono sicuramente apprezzabili dal punto di vista della riduzione dello stress, dal sentirsi quasi rigenerati al risveglio e quindi essere dotati di una buona carica per affrontare attività impegnative, sia dal punto di vista fisico che mentale. Aumento della concentrazione e della capacità mnemonica, sono un riscontro oggettivo, ottenuto da studi e ricerche effettuati su campioni studiati. Non ultimo, contribuisce a migliorare il buonumore, che sappiamo, risulta compromesso dalla mancanza di sonno.Un riposo pomeridiano prolungato, per contro, può risultare dannoso, procurando difficoltà a dormire la sera.

Non esiste la routine perfetta da seguire per il riposo pomeridiano, possiamo solo dire che, per godere dei suoi benefici, è consigliabile programmarlo più volte a settimana, nel primo pomeriggio e non farlo durare oltre la mezz’ora.

Nuova ricerca sugli Over 60  

Da ricerche più recenti e mirate alla fascia di età over 60, è emerso che, proprio per questa categoria di persone, il beneficio può essere ancora maggiore per stimolare la loro efficienza mentale.

Con l’avanzare degli anni, è risaputo che possono manifestarsi piccoli deficit di memoria, difficoltà a ricordare le cose, deconcentrazione, fluidità verbale, diminuzione dell’abilità visiva e spaziale, nonché vere e proprie malattie come la demenza senile e l’Alzheimer. Ebbene, sia nei riguardi delle normali, lievi défaillances legate all’età, sia in caso di patologie più serie, i soggetti studiati che avevano beneficiato di un riposino pomeridiano, hanno ottenuto punteggi migliori nei test cognitivi cui sono stati sottoposti.

Chi è interessato a questo argomento, sa bene quali siano i benefici del riposo sulla salute del cervello. Il sonno diventa uno strumento rigenerante della nostra memoria, ci permette di cancellare le informazioni superflue recepite dal nostro sistema cerebrale, dalle aree di archiviazione temporanea, innescando una sorta di reset delle nozioni non necessarie, allo scopo di far posto alle nuove informazioni che andranno assorbite.                                                                                                                                                                                    

Impariamo a capire i segnali del nostro corpo

Va detto, in conclusione che, qualora ci si trovi nella condizione di sentire una reale necessità di dormire, piuttosto che un semplice desiderio di staccare, questo potrebbe rappresentare un piccolo segnale di allarme, che il nostro corpo ci invia, come quello di non fruire di ore di sonno necessarie durante la notte ed arrivare al punto di esigere un sonnellino pomeridiano. Di stress, ansia e disturbi oggettivi, ci siamo occupati e ci occuperemo.

Il nostro corpo è una macchina complessa e per fortuna siamo tutti modelli quasi esclusivi, nel senso che ognuno di noi reagisce in maniera diversa rispetto ad eventi o stati d’animo e quando qualcosa ci turba o ci disturba fisicamente, la qualità del sonno è tra le prime a risentirne.

Non esiste pertanto una regola generale che si adatti a tutti, ma regole generiche, frutto di studi e di ricerche, che ci possono aiutare ad individuare meglio le origini dei nostri malesseri. Questo vale anche per il riposo, che è alla base di un buon rendimento fisico.

Occupandoci di queste piccole problematiche, si spera di offrire un piccolo aiuto nell’imparare a percepire dei segnali, nel capire che il nostro problema è condiviso da altre persone, che può avere una causa spiegabile e risolvibile.

 

Tag Associati
Categorie Associate
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
ricevi subito il 5% di sconto
800 983 841

Contattaci

Lun - Ven 08:30 - 13:00 / 14:00 - 17:30
Puoi trovarci su
 
 
 
Powered & Designed by Passepartout